Curiosando negli interstizi

“ll pezzo mi ammalia al primo periodo:

L‘artigianato fa parte di un mondo che precede la separazione fra l’utile e il bello.

Mi ammalia perché amo l’artigianato, perché mi piace fare le cose con le mani, perché non amo le separazioni, perché mi piace frugare negli interstizi creati dalle separazioni.

Vado avanti, gongolo.

Poi mi blocco:

Diffusa in ogni angolo del mondo, la tecnologia è diventata la principale causa di entropia storica. Le sue conseguenze negative si possono riassumere un una frase: impone l’uniformità senza promuovere l’unità. Spiana le differenze fra culture e stili regionali distinti ma non sa eliminare le rivalità tra i popoli. Per di più, il pericolo della tecnologia non consiste solo nella potenza mortale di molte delle sue invenzioni, ma nel fatto che costituisce un grave pericolo per l’essenza stessa del processo storico. Trascurando la diversità di società e culture, trascura la storia stessa.

La stupenda varietà di differenti culture è la vera sorgente della storia: incontri e congiunzioni di gruppi e culture dissimili, con idee e tecniche molto diverse. La tecnologia moderna ha portato numerose e profonde trasformazioni. Tutte, comunque, con lo stesso obiettivo e la stessa importanza: l’eliminazione dell’altro.

E mi dispiaccio, perché è vero. O comunque rischia molto di essere vero, quasi sicuramente, purtroppo. Ci metto un po’ a riarticolare i pensieri, perché quella eliminazione dell’altro è proprio una doccia fredda.

Poi penso che gli interstizi generati dalle separazioni raramente sono vuoti, e spesso è proprio lì che si nascondono le perle, più che altrove, anche perché quasi nessuno ci guarda. Sovente è lì che può germogliare il futuro. E forse in questo percorso quello che vogliamo fare è proprio scrutare la separazione fra tecnologia e artigianato.”

Proprio così.

da http://iamarf.org/2012/12/30/frugando-negli-interstizi-linf12/

Advertisements

About sabinaminuto

Insegno lettere nella scuola secondaria di II grado.
This entry was posted in Pensieri and tagged . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s