Elogio della lentezza

Una tartaruga cammina sotto i banchi all’inizio del film  “Essere e avere “che ieri il Prof. Cerini ha citato in un incontro sulle “Indicazioni 2012 per il curricolo”.

La slow school appunto, una scuola lenta, che recupera anche il valore delle pause, del silenzio, dei tempi della riflessione, dei tempi a volte inesorabilmente lenti dell’apprendimento. Tutto, intorno, va veloce, il mondo cambia con una rapidità mai vista fino ad ora.

Ma a volte proprio per stare al passo è necessario fermarsi un attimo, riflettere.

A me piace la lentezza se serve per imparare meglio: dobbiamo puntare alla profondità di ciò che insegnamo non all’estensione.

“Ho finito il programma” , ma mi domando finito per chi? Forse per i docenti, poichè, di per sè, ciò non vuol dire che per  gli alunni sia finito, che lo abbiano appreso o che solo abbiano appreso qualcosa.

A me piace la lentezza dei tempi distesi per la riflessione: la scuola che cerca un baricentro deve forse concedersi una certa lentezza, avviare un confronto, senza correre, senza paura di rimanere al palo.

Lo dicevano ieri le colleghe di Alassio. Ed avevano ragione.

Advertisements

About sabinaminuto

Insegno lettere nella scuola secondaria di II grado, a Savona, a metà strada tra il mare e le montagne. Collaboro con il gruppo IWT, per cui sono anche formatrice. Mi interesso di teatro sociale con T21. Viaggio. Scrivo.
This entry was posted in Didattica and tagged , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s