IPAD a scuola ! (Forse)

Forse, l’anno prossimo, si parte!

Riusciremo, pare, a fornire ad ogni alunno della mia classe un Ipad ed io ho un’estate di tempo per pensare a come riorganizzare la mia didattica.

Ho molte idee, troppe. L’entusiasmo non manca.

Ma ho bisogno di progettare e quindi di consigli. Qualcuno ha esperienze simili?

Per ora navigando tra le tante opportunità ho scoperto un interessante approfondimento qui

shapeimage_1

Advertisements

About sabinaminuto

Insegno lettere nella scuola secondaria di II grado.
This entry was posted in Didattica and tagged , . Bookmark the permalink.

19 Responses to IPAD a scuola ! (Forse)

  1. Daniele says:

    Apple ringrazia.

  2. sabinaminuto says:

    Veramente io ringrazio loro!

    • sabinaminuto says:

      E comunque chiunque mi fornisca strumenti nuovi, funzionali, sperimentati e mi aiuti a innovare la didattica per me è il benvenuto.
      Si chiami Apple, Microsoft o Giuseppe Garibaldi!

  3. Luisella says:

    Nel mio istituto abbiamo avviato una sperimentazione quest’anno scolastico. In una classe prima del settore economico (cioè una classe prima della secondaria superiore, indirizzo amministrazione finanza e marketing) abbiamo fornito un iPad a ogni studente (e a ogni insegnante) e abbiamo installato un proiettore e una Apple TV in classe. Come dice Daniele, Apple ringrazia, però ringraziamo anche noi. Dopo anni in cui abbiamo sempre avuto problemi con i laboratori informatici (con computer che giravano con Windows, che sono sempre stati lentissimi, e ultimamente con Linux, che è già parecchio meglio…) per la prima volta una tecnologia che funziona. Per gli studenti imparare è stato veramente facilissimo, noi insegnanti spesso impariamo da loro! Abbiamo installato alcune App (spesso gratuite, talvolta a pagamento ma mai molto costose) sia per le materie scientifiche (fisica, matematica ecc.) sia per le lingue (dizionari, podcast) sia per tutte le altre materie (atlanti per geografia, ecc.). Molto interessanti le app (gratuite) come Prezi, MIndomo, Idea Sketch, Popplet Lite, che servono per fare le mappe concettuali e che praticamente si usano in tutte le materie. Molto utili anche le app che si possono usare con gli studenti DSA e diversamente abili (programmi di dettatura come Dragon Dictation, programmi di lettura dei testi scritti ecc.). Molto utile anche la funzionalità di fare foto e video. Io, che insegno inglese, ho dato loro da fare un’attività che avevo trovato sul sito del British Council (Reading Directions Aloud) e loro mi hanno fatto un breve video in cui mi davano in inglese le indicazioni per andare da scuola a casa loro, o da casa loro alla palestra ecc. ecc. Se viene un esperto a fare lezione, loro fanno dei video che poi possono riutilizzare per ripassare, oppure talvolta fanno foto invece di scrivere tutto quello che dovrebbero ricopiare dalla lavagna e poi se lo rielaborano con calma. La Apple TV permette di proiettare sul muro della classe i contenuti di tutti gli iPad (quindi i ragazzi possono far vedere a tutti le loro presentazioni, i lavori svolti a casa e in classe ecc. e gli insegnanti possono usare l’iPad al posto della lavagna, proiettando appunti e presentazioni). Tra le app abbiamo anche Educreations. In un’altra classe invece, una terza, siccome non avevamo soldi per fornire un iPad a studente, abbiamo installato solo un iPad per la classe con relativa Apple TV e con il proiettore. E’ comunque abbastanza utile, ad esempio ultimamente stiamo facendo un blog di progetto e con la App di Blogger possiamo aggiornare il blog in classe, fare correzioni, inserire tag ecc. Oppure utilizziamo i dizionari, i podcast ecc.
    Ovvio che da quando ho iniziato il cMOOC di Andreas, sto utilizzando tutti questi strumenti in modo molto più consapevole e proficuo, anche se comunque all’inizio dell’anno scolastico tutti i docenti avevamo fatto 4 ore di formazione con un formatore Apple/Miur.
    Unico aspetto negativo che ho notato nella classe in cui tutti gli studenti hanno l’iPad è che alcuni di loro durante l’intervallo si mettono a fare videogiochi, ma si tratta di una minoranza (che probabilmente lo farebbe ugualmente con il telefonino e che sicuramente a casa passa parecchio tempo davanti al Game Boy o alla PlayStation). Per il resto, il livello di motivazione è più alto della media, e gli studenti hanno imparato a fare tantissime cose. Ad esempio con l’insegnante di economia aziendale stanno facendo un progetto sulla filiera corta e sui GAS e quando hanno fatto le visite aziendali hanno usato l’iPad sia per fare foto e videointerviste, sia successivamente per creare un ebook in cui hanno presentato l’azienda che avevano visitato. Il tutto sarà presentato agli imprenditori agricoli coinvolti, alle altre classi e ai genitori prima della fine dell’anno scolastico.
    Se hai già un iPad ti consiglio di installare la App che si chiama AppsGoneFree, che ti da ogni giorno la lista delle App che sono gratuite solo per quel giorno o comunque per un breve periodo. Ad esempio nella giornata mondiale dell’autismo, c’erano moltissime App educative gratuite, tra cui alcune per ampliare il lessico nella lingua straniera.
    Tanti auguri per la sperimentazione!

    • sabinaminuto says:

      Sei stata una miniera di informazioni!
      Corro subito ad installare AppsGoneFree e intanto ti chiedo se mi puoi fornire il nome del formatore apple miur a cui vi siete rivolti.

      Io ho già il mio prezioso Ipad e lo sto sperimentando da un po’ a scuola ma certo se lo avessero gli studenti sarebbe molto meglio!

      Uso spesso Educreation per piccoli video per organizzare la mia flipped classroom.

      Avete dato gli Ipad in comodato o come?
      Come vi siete organizzati con le famiglie?

      Anche io ringrazio Apple vivamente: un sistema ottimo, che funziona sempre e che nel campo dell’educazione fa davvero molto.

      • Luisella says:

        Gli iPad sono stati dati in comodato d’uso, ma alle famiglie è stato chiesto un contributo di 50 euro a testa, e i genitori hanno firmato un documento in cui erano chiariti i termini d’uso (ad esempio che gli studenti si impegnavano a tenerlo con cura, a caricare l’iPad a casa e non a scuola, e altre cosette del genere). Il formatore si chiama Domizio Baldini ed è veramente molto bravo. Penso che sia disponibile a venire ovunque in Italia (lui abita nei dintorni di Siena se ricordo bene, ed è un insegnante di scuola media in pensione, che ha personalmente usato l’iPad con gli studenti negli ultimi anni in cui era in servizio). Non lo abbiamo pagato noi, come scuola, perché quattro ore di formazione erano comprese nel contratto di acquisto degli iPad. Vi consiglio di fare la formazione quando i docenti avranno già gli iPad, in modo che possano “imparare facendo”. Altrimenti, se segui il corso ma non hai un iPad con cui sperimentare subito le varie funzionalità, rischi di dimenticare tutto (non lo dico per te, dato che lo usi già, ma magari alcuni tuoi colleghi potrebbero non aver mai visto un iPad in vita loro…). L’ideale sarebbe che quando fate la formazione aveste già installato anche la Apple TV così potete fare qualche prova anche con quella (ma comunque è molto facile da usare).

  4. didatticarte says:

    I miei alunni non hanno l’iPad ma io sì. E cerco di utilizzarlo come posso: uso TeacherKit per “schedare” gli studenti e tenere un mio registro privato di tutto ciò che li riguarda. Utilizzo iBook per tenere le presentazioni in pdf che ogni tanto riesco a fare vedere in aula TV; scarico su TagDisk i video di YouTube che voglio far vedere anche offline mentre sull’app Scuolabook ho caricato le versioni digitali di tutti i libri di testo in adozione (Zanichelli li rende disponibili solo per questo reader).

  5. sabinaminuto says:

    Grazie mille ragazze!
    Luisella, non è che mi potresti inviare una copia del Vs contrattocon le famiglie? Se sì mi faresti un grande piacere. Da chi avete acquistato gli Ipad? Chi vi ha fornito la formazione?

  6. Anna Cilia says:

    Ciao a tutte, mi inserisco anche io nella discussione.
    Proprio ieri ho saputo che anche la mia classe l’anno prossimo partirà con un Ipad per ogni alunno. Io utilizzo tablet android per cui dovrò cominciare da zero o quasi, ma sono comunque molto contenta. Insegno scienze matematiche nella scuola secondaria di I grado ed ho avuto modo di seguire alcuni lavori del prof Baldini, erano veramente molto interessanti. Spero di ritrovarlo come formatore. Grazie per gli importanti suggerimenti.
    Seguirò anche la condivisione su PiratePad se pubblicherete il link.

  7. Eleonora says:

    Salve a tutti, vi segnalo su iBooks degli ebook interattivi di varie materie scolastiche. A differenza di quelli di scuolabook, si può trovare il testo, immagini esplorabili, video e animazioni. Sono di un nuovo publisher Centro Leonardo e hanno costi davvero bassi. Il limite e’ che sono fruibili solo da chi ha l’iPad.
    Eleonora

  8. tnt54 says:

    forse l’anno prossimo avremo la classe 2.0 con relativo finanziamento… semmai ti scrivo per avere qualcosa di concreto sulla vostra programmazione

    • sabinaminuto says:

      Anche noi abbiamo fatto richiesta ma per ora nessuna risposta.
      Se ti arriva fammelo sapere.

      Per ciò che concerne la programmazione per ora è tutta da inventare e me ne occupo solo io con un collega. ho tutto nella testa ma si tratta ora di metterla per esteso.
      Io continuo a auto aggiornarmi e prendendo spunti di qua e di là.

      Mi sono fatta una mappa su pearls delle risorse che aggiungo mam mano che le trovo navigando.

      Ho un progetto in breve. Se vuoi ti mando quello.

      Ciao
      Sab

  9. giovanni says:

    Salve a tutti. Sarei curioso di sapere le caratteristiche della infrastruttura della rete informatica che regge funzionamento di tanti appletv che si collegano contemporaneamente a internet.
    In quali scuole siete?

    • sabinaminuto says:

      Ciao,
      Siamo IC Albisole savona.
      Io ho una classe con 18 alunni e 18 tablet ma abbiamo anche una claase con 25 alunni e 25 tablet.
      La struttura regge a giorni alterni ma abbiamo appena ora cambiato vestore per avere più mega e stiamo ristrutturando il tutto.
      L’apple tv funziona a meraviglia:)
      Un altro mondo.
      Se vuoi informazioni più dettagliate chiedo a chi se ne occupa . Io mi occupo essenzilmente di didattica.
      Ciao sab

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s