Quello che pensiamo noi.

Ri pubblico questo fantastico intervento dei ragazzi della scuola media dove insegna Silvia una mia amica e stimatissima collega. Altro che ministro Fedeli e comico(?) Ruffini. Io da ridere non ci ho trovato niente. Ne sanno di più questi 44 alunni di tanti che si arrogano il diritto di parlare a nome loro.

Laboratorio di parole

Caro Signor Ruffini,

siamo 44 ragazzi e ragazze di prima media. Negli ultimi mesi abbiamo partecipato ad un progetto intitolato “Generazioni Connesse” per imparare ad usare il web con la testa e per studiare in sicurezza anche sfruttando la rete. Abbiamo riflettuto sui rischi che corriamo quando siamo collegati in rete. Abbiamo analizzato il nostro comportamento quando siamo connessi. Abbiamo parlato di come tendiamo a esprimerci dentro e fuori dal web.

Ciascuno di noi ha poi scritto nel suo taccuino dello scrittore il Manifesto della comunicazione non ostile. La Prof non ha voluto darci la fotocopia. Ci ha obbligati a scriverlo forse perché dice sempre che scrivere è pensare su carta e così avremmo pensato di più al senso di quello che stavamo scrivendo.

Ieri eravamo tanto contenti di poter vedere la diretta streaming e siamo rimasti tanto sorpresi del fatto che uno dei rischi che corriamo quando siamo connessi…

View original post 492 more words

Advertisements

About sabinaminuto

Insegno lettere nella scuola secondaria di II grado.
This entry was posted in Pensieri. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s