IWT: ovvero io, Nancie e le altre

Torno piena di idee dalla summer school di Rimini.

E allora ripubblico qui un documento fondante, fondamentale, unico, ricco e fruttuoso. La nostra strada percorsa e da fare ( ancora tanta)

Grazie Silvia Pognante che lo ha redatto per noi tutte

 

 

“Linee” italiane di Writing and Reading Workshop

IWT: chi siamo.
Siamo un gruppo di docenti di Lettere della Scuola Secondaria di Primo e Secondo grado provenienti da regioni, città e scuole diverse.
Ci accomunano la passione per l’insegnamento, la voglia di metterci in gioco ed il desiderio di fare dei nostri studenti scrittori competenti e “lettori a vita”.
Seguendo strade anche molto diverse, tutti noi, ad un certo punto del nostro cammino professionale, siamo arrivati alle medesime riflessioni: nella scuola italiana il tempo dedicato alla scrittura e alla lettura è sempre troppo poco e viziato da consegne quasi sempre astratte (il tema) che nulla hanno a che fare con il processo di scrittura autentico; la valutazione è incentrata principalmente sul prodotto e non sul processo; gli studenti hanno scarsissime possibilità di scelta e non sono realmente registi del proprio percorso di crescita.
Ciascuno di noi ha quindi sentito l’esigenza di ricercare e sperimentare nuove vie che portassero gli alunni a crescere davvero come lettori e scrittori.
Durante il procedere della nostra autoformazione abbiamo avuto la fortuna di conoscere Jenny Poletti Riz, un’insegnante che ormai da anni applica il metodo del Writing e del Reading workshop anche in Italia. Dall’incontro con il suo blog (www.scuolaaumentata.it) o da esperienze di formazione guidate da lei è scaturita la voglia di tenerci in contatto e di iniziare un’esperienza di cooperative teaching. Attraverso di lei abbiamo sperimentato un altro incontro che ha cambiato molte delle nostre vite professionali: quello con Nancie Atwell e con il suo libro “In the middle”. Da qui siamo ripartiti per riscoprire la centralità della scrittura e della lettura nella pratica scolastica quotidiana e per studiare e mettere in atto nuove strategie didattiche per far emergere la voce dei nostri studenti.
Da più di un anno cresciamo insieme, sfruttando le potenzialità che offre la rete. Ci confrontiamo sia all’interno del gruppo Facebook “Italian Writing Teachers” sia in un salotto più ristretto. Qui ci aggiorniamo a vicenda, ci consultiamo, lavoriamo su strategie didattiche e progetti più ampi, mentre le nostre classi diventano officine di scrittura e lettura basate proprio sul Writing and Reading Workshop.

Cos’è il Writing and Reading Workshop
L’obiettivo del “Writing and Reading Workshop” è quello di trasformare le nostre classi in comunità di lettori e scrittori competenti, critici ed appassionati.
È una didattica per competenze, realizzata attraverso una metodologia rigorosa e caratterizzata sia da una precisa struttura del tempo scuola, sia da strumenti ben definiti per l’insegnamento della scrittura e della lettura.
Permette agli insegnanti di creare un ambiente di apprendimento che consente di lavorare con l’intera classe e, contemporaneamente, di mettere in atto percorsi individualizzati, basati sulle caratteristiche e sui bisogni di ciascuno.
All’interno di un tragitto tracciato per l’intera classe, si fornisce ad ogni studente la possibilità di sentirsi a suo agio nel proprio processo di crescita come lettore e scrittore. Ogni alunno, affiancato dal docente, opera in un contesto autentico: si pone obiettivi propri, su misura, ed è stimolato a riflettere – individualmente ed in gruppo – sul percorso che sta affrontando, maturando in consapevolezza e autonomia, elementi imprescindibili per parlare di sviluppo di competenza.
Le origini del metodo
Il “Teachers College Reading and Writing Project” è stato fondato ed è attualmente diretto da Lucy Calkins, docente di Letteratura per ragazzi presso la Columbia University. Le radici del progetto sono però da ricercare nella rivoluzione originata da Donald Murray (Teaching writing as a process, not product) nel 1972 e da Donald Graves (Childrens want to write). Nonostante il suo sviluppo all’interno di un ambiente accademico, possiamo definire il progetto come una fucina di pensiero e una comunità di pratica costantemente in dialogo con il mondo della scuola, così da essere in linea con le sue necessità, il suo evolversi ed il suo trasformarsi all’interno di una società sempre più liquida e complessa.
In questo momento, tra i vari insegnanti che applicano il metodo, una delle personalità più in vista è proprio Nancie Atwell, vincitrice del Global Teachers Prize nel 2015.
Le sue strategie didattiche, consacrate da un centro per l’insegnamento e l’apprendimento che ha fondato nel 1990 nel Maine, si basano sulla scrittura e sulla lettura in classe. I suoi ragazzi leggono almeno quaranta libri l’anno, scegliendoli da una biblioteca di classe costantemente aggiornata, ed il suo approccio alla scrittura – incentrato su minilesson, consulenze individuali, tempo costante per la pratica autonoma e condivisione in gruppo – le permette di accompagnare ciascuno studente nel proprio percorso alla scoperta della scrittura come chiave per conoscere il mondo, riconoscersi in esso e per trovare ed esprimere la propria voce.

Il laboratorio di scrittura
Gli alunni scrivono in classe, ogni settimana, per almeno due sessioni di lavoro. Ogni sessione di laboratorio inizia con una minilesson dedicata a una strategia, una parte del processo di scrittura o una procedura del laboratorio che l’insegnante vuole rendere routine (la prescrittura, la correzione delle bozze).
Perchè una lezione mini? Non per la qualità dei contenuti proposti ma per la sua durata. Venti minuti al massimo: un periodo che va incontro alle caratteristiche dei ragazzi di oggi, capaci di tempi di attenzione sempre più ristretti e che incontra anche le necessità degli alunni con bisogni educativi speciali, ma soprattutto una lezione “mini” per preservare al massimo il tempo della scrittura.
Per poter rimanere tale, la minilesson richiede una preparazione scrupolosa: è necessario fornire agli studenti dimostrazioni dirette ed istruzioni ben precise, partendo – quando si tratta di insegnare tecniche di scrittura – da mentor text, testi da prendere a modello.

Terminata la lezione, iniziano i quaranta minuti di scrittura autonoma così articolati:
ognuno si organizza con un plan box, un mini programma di ciò che farà. Si concentrerà, al massimo, su tre punti (due azioni ed una di riserva); una specie di dichiarazione d’intenti che serve a rimanere concentrati e a non perdere di vista l’obiettivo;
gli alunni scrivono di solito individualmente, ciascuno seguendo il proprio processo di scrittura. Ogni studente sceglie come gestire il proprio tempo e quando applicare le tecniche apprese nel corso delle minilesson.
l’insegnante conduce consulenze di scrittura, incontrando almeno cinque alunni per ogni sessione. L’affiancamento dello studente si focalizza in merito a una sua richiesta oppure ad un particolare aspetto rilevato dal docente; quest’ultimo si astiene dal correggere il testo: piuttosto, attraverso una conversazione con lo studente, indaga, si mette in ascolto e definisce l’esigenza del momento. Immediatamente propone una strategia o una tecnica che può aiutare nel contingente lo studente-scrittore, ma che potrà altresì essere utilizzata più e più volte.

Gli ultimi dieci minuti della lezione sono riservati alla condivisione: chi vuole può leggere agli altri un pezzo ben riuscito, oppure l’insegnante condivide con la classe una scoperta fatta durante le consulenze della mattina. Si tratta di un momento fondamentale in cui gli scrittori ricevono feedback immediati e specifici dai compagni o dal docente ed è allo stesso tempo un modo per rinforzare i contenuti della minilesson.

Quando si avvicina la scadenza della consegna del testo finito, i ragazzi decidono quale bozza iniziata può diventare un pezzo da far valutare al docente e da pubblicare. Si concentrano su di essa applicando le strategie di revisione e di editing sperimentate fino a quel momento.
Gli alunni hanno libertà di decidere, tra tutti quelli già illustrati in classe, il genere e la tipologia del testo che intendono scrivere: pagina di diario, racconto breve, romanzo, testo espositivo, poesia, multigenere…
L’importante è che siano compiti di scrittura reali: non c’è la traccia fornita dall’insegnante uguale per tutti ed il lavoro non deve essere sviluppato nel tempo del compito in classe. La tradizionale produzione del testo in classe, infatti, occupa un arco temporale troppo ristretto ed è caratterizzata da un processo molto rigido e standardizzato che non rispetta le reali esigenze di chi deve scrivere. Nel laboratorio gli studenti seguono un processo di scrittura autentico: cercano un’idea di scrittura usando anche il taccuino, pianificano come possono svilupparla tramite strategie imparate nelle minilesson (ad esempio costruiscono una mappa delle idee, una linea del tempo, raccolgono le parole per una poesia), iniziano a svilupparla nel quaderno delle bozze e revisionano, ma con i loro tempi e applicando gli strumenti che scelgono tra quelli inseriti nella loro “cassetta degli attrezzi dello scrittore”.
Accanto alla sperimentazione di quelli affrontati con lezioni specifiche, i ragazzi sono incoraggiati a lavorare su altri generi a loro scelta, per sviluppare in loro un approccio libero e personale verso la scrittura.
Un importante strumento per la crescita degli studenti è il taccuino, grazie al quale imparano a osservare le proprie esperienze con gli occhi dello scrittore: riflettono su persone che potrebbero trasformarsi in personaggi, fermano come in un’immagine scene che potranno diventare parte di un racconto, raccolgono ricordi, fotografie, interessi, curiosità, dialoghi particolari… tutti “semi” di scrittura da rielaborare nelle loro bozze.
Nei primi tempi del laboratorio, l’insegnante fornisce molti attivatori, soprattutto legati alle loro esperienze personali, grazie ai quali i ragazzi possano esplorare, a partire dalle proprie annotazioni, nuovi territori di scrittura.
Quest’ultime sono un compito ricorrente che l’insegnante può decidere di controllare e valutare tramite una rubric di valutazione del taccuino.
In sintesi, il taccuino è un attivatore di storie a partire da idee e suggestioni che provengono dall’osservazione del mondo. Scrivere in forma di appunto un’idea, una sensazione, un’intuizione è un modo efficace per trattenerla. Con l’esempio del docente, gli alunni imparano a rileggere spesso le proprie annotazioni sul taccuino prima di cominciare a scrivere una storia e durante la scrittura stessa, e ad avere sempre il taccuino con sé.

 

Il laboratorio di lettura
È bene chiarire da subito che si tratta di vera e propria educazione alla lettura, non di sporadiche attività di promozione.
Il setting ideale del laboratorio comprende una biblioteca di classe che contenga volumi di diversi generi letterari, oppure l’accesso libero alla biblioteca scolastica, se aggiornata e ben rifornita. È essenziale che gli alunni possano avere un contatto frequente con la biblioteca: devono partecipare all’organizzazione dei volumi e sono invitati a condividere tramite bacheche reali o virtuali le impressioni sui libri letti con gli altri alunni che la frequentano; devono poter consultare e curiosare tra i libri, chiedendo consigli al docente o ai compagni.
In classe i ragazzi leggono individualmente il libro scelto per più di un’ora a settimana e ascoltano la lettura a voce alta dell’insegnante, di norma, di almeno due libri all’anno. Gli studenti hanno un compito ricorrente di lettura: leggono a casa ogni giorno per trenta minuti (più frequentemente possibile l’insegnante controlla il numero di pagine lette in misura della velocità di lettura di ciascuno). Mediamente, gli alunni arrivano a leggere circa 150 pagine al mese, ovvero un libro, ma anche molto di più.
Anche in questo caso ogni sessione di lettura in classe inizia con una minilesson, al massimo di quindici minuti, su strategie di comprensione o analisi, utilizzando come mentor text (testo modello) un albo illustrato, un capitolo del testo che si sta leggendo a voce alta o un racconto.
Gli alunni vengono esposti settimanalmente a strategie di lettura e di comprensione sempre diverse, mirate su micro-obiettivi adatti ai diversi livelli.
Le minilesson del laboratorio di lettura stimolano i ragazzi sia sul piano funzionale (concentrazione e abilità di lettura) sia relativamente alle competenze analitiche e comunicative. Gli alunni infatti vengono chiamati ad entrare nei temi del libro che leggono e nelle tecniche usate dagli autori, inoltre sono sollecitati sia ad esprimere le proprie considerazioni sui libri, sia a negoziarne l’interpretazione attraverso il dialogo.

Dopo la minilesson, inizia la sessione di lettura autonoma di trenta minuti durante la quale gli alunni possono ricevere una consulenza dall’insegnante in merito a una loro richiesta, oppure è l’insegnante a fare proposte di analisi dando il via alla conversazione con domande aperte al lettore. Nel corso di una sessione di lettura in classe, l’insegnante riesce a parlare con almeno cinque studenti, oppure conduce minilesson a piccoli gruppi per fasce di livello, o ancora si unisce ad un gruppo di lettura, partecipando attivamente al dialogo sul libro che si sta leggendo nel gruppo.
Gli ultimi dieci minuti sono riservati alla condivisione: chi vuole può spiegare una notazione particolare che ha scritto durante la lettura, oppure l’insegnante condivide con la classe una scoperta emersa durante le consulenze della mattina.

Anche per quanto riguarda la lettura, il taccuino riveste un’importante funzione. Gli studenti, infatti, sono chiamati a registrare annotazioni su quello che leggono o sui libri che vorrebbero leggere, oppure vengono loro proposti quickwrite, “lampi di scrittura” (brevi brani scritti di getto in non più di dieci minuti) ispirati da letture di libri e albi illustrati.
Nei primi mesi di lavoro l’insegnante fornisce domande e tracce di analisi. In seguito gli studenti sono incoraggiati a diventare autonomi nelle annotazioni sul taccuino perché hanno diverse minilesson a cui fare riferimento.

I ragazzi decidono cosa leggere in modo autonomo, scegliendo tra i libri che l’insegnante presenta ogni settimana e che sono presenti nella biblioteca di classe. In seguito imparano strategie per scegliere un libro in base ai loro gusti (si conducono minilesson dedicate a sviluppare in autonomia questa capacità, anche attraverso siti e blog professionali). Sono stimolati ad esplorare diversi generi.
La maggioranza dei libri che vengono presentati appartiene alla letteratura per ragazzi. Sono ambientati sia nel passato sia nella contemporaneità ma rispetto ai classici hanno il vantaggio di risultare più facilmente comprensibili e vicini alla sensibilità dei loro lettori. L’incontro con i classici va preparato: prima dobbiamo riuscire a trasformare gli studenti in lettori abituali, agganciandoli con letture vicine ai loro vissuti.
Non manca certamente lo spazio dedicato alla letteratura italiana e straniera pur non prevedendo il rigido e tradizionale approccio diacronico della storia della letteratura: ogni anno vengono previste specifiche unità di lavoro su poeti e autori classici.
Particolare attenzione viene posta sull’attualizzazione delle tematiche presenti nelle grandi opere della nostra letteratura, in modo che gli alunni possano percepirne tutta la freschezza e la modernità.
La fruizione della letteratura è un punto d’arrivo per questi lettori che sono già abituati ad applicare la propria interpretazione del testo, a darne una lettura attiva. Vengono pertanto stimolati non solo a parafrasare la lingua antica dei classici e a conoscere la biografia dell’autore, ma anche a riscrivere parti di testo con un diverso punto di vista, esprimere il non detto dei personaggi, confrontarsi con contesti culturali diversi dal nostro. Si tratta di una vera propria immersione sia nei brani originali sia nelle diverse riscritture o opere di autori che hanno tratto ispirazione dai classici.

Anche per la lettura vengono assegnati compiti di realtà: i lettori esperti amano discutere dei libri che leggono confrontandosi con altri, quindi gli alunni sono incoraggiati a inviare presentazioni su siti o blog a tema, formare coppie o gruppi di lettura in classe e partecipare a quelli del territorio, con la supervisione dell’insegnante che diventa guida esperta per il gruppo e modella le interazioni fra pari con il proprio esempio e minilesson dedicate.

Periodicamente sono invitati a presentare ai compagni un libro letto, con diverse modalità: booktalk che hanno preparato sulla base delle indicazione dell’insegnante, prodotti multimediali, booktrailer ma anche recensioni audio o video, poster digitali e altro. Spesso vengono organizzate maratone di presentazione, i book speed dating: gli alunni di una o più classi sono seduti uno di fronte all’altro e si presentano a turno un libro per un tempo di cinque minuti al massimo. Chi ascolta prende appunti sul taccuino, in modo da ricordare il libro presentato.

 

 

Il metodo e la realtà italiana: le indicazioni nazionali per il curricolo
Il Writing and Reading Workshop è pienamente in linea con le Indicazioni nazionali per il curricolo del primo ciclo d’istruzione che valorizzano una didattica per competenze in cui “lo studente è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi. In questa prospettiva, i docenti dovranno pensare e realizzare i loro progetti educativi e didattici non per individui astratti, ma per persone che vivono qui e ora” (Indicazioni nazionali, pag.7).

Le Indicazioni inoltre ricordano che “nel processo di apprendimento l’alunno porta una grande ricchezza di esperienze e conoscenze acquisite fuori dalla scuola e attraverso i diversi media oggi disponibili a tutti, mette in gioco aspettative ed emozioni, si presenta con una dotazione di informazioni, abilità, modalità di apprendere che l’azione didattica dovrà opportunamente richiamare, esplorare, problematizzare. In questo modo l’allievo riesce a dare senso a quello che va imparando” (Indicazioni nazionali, pag. 27).
Il metodo del Writing and Reading Workshop si armonizza con tali indicazioni, ponendo lo studente al centro del processo educativo: attraverso la didattica laboratoriale il docente segue ogni alunno nel suo personale percorso di crescita e lo accompagna nello sviluppo dell’abitudine alla riflessione metacognitiva.

A proposito dello sviluppo delle competenze di scrittura, le Indicazioni nazionali pongono in evidenza che “il percorso di apprendimento della scrittura richiede tempi distesi, diversificazione delle attività didattiche e interdisciplinarità” e ovviamente che “al termine della scuola secondaria di primo grado l’allievo dovrebbe essere in grado di produrre testi di diversa tipologia e forma coesi e coerenti, adeguati all’intenzione comunicativa e al destinatario, curati anche negli aspetti formali” (Ibidem, pag. 31). Nel Writing and Reading Workshop docente e allievi, dedicando ampio spazio alla scrittura, danno vita ad una comunità di scrittori che sperimenta generi e tecniche differenti e cresce grazie ai numerosi feedback che accompagnano tutto il processo e non giungono solo alla fine, come solitamente avviene nella didattica tradizionale (spesso sotto forma di voto numerico). Apposite rubric consentono di monitorare il processo proprio per osservare la competenza di scrittura nell’atto del suo costruirsi.

Per quanto riguarda la lettura, le Indicazioni ricordano che “a scuola si apprende la strumentalità del leggere e si attivano i numerosi processi cognitivi necessari alla comprensione. La lettura va costantemente praticata su un’ampia gamma di testi appartenenti ai vari tipi e forme testuali (da testi continui a moduli, orari, grafici, mappe ecc.) per scopi diversi e con strategie funzionali al compito, senza mai tralasciare la pratica della lettura personale e dell’ascolto di testi letti dall’insegnante realizzata abitualmente senza alcuna finalizzazione, al solo scopo di alimentare il piacere di leggere” (Ibidem, pag. 31). Lo spazio che all’interno del Workshop viene dedicato alla lettura rispetta pienamente le Indicazioni nazionali, garantendo agli studenti tempo per la lettura, libertà di scelta e acquisizione di strategie per lo sviluppo del piacere della lettura e per la comprensione del testo, anche attraverso la connessione di questo alla propria esperienza individuale. Non solo: lo stimolo a riflettere, interpretare, esporre ad altri il proprio punto di vista, presentare libri ritenuti interessanti sono tutte attività che mirano a sviluppare altre competenze disciplinari e trasversali mirate alla comunicazione nella lingua madre.

 

Le fucine di Writing and Reading Workshop presenti oggi in Italia.

Le IWT
Le pioniere
Prof.ssa Jenny Poletti Riz, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Daniela Pellacani, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Elisa Turrini, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Sabina Minuto, Scuola Sec. di II grado

Stanno sperimentando

Prof.ssa Maria Aprosio, Scuola Sec. di I grado
Ins Laura Bacchi, Scuola Primaria
Prof.ssa Anna Bandini, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Maria Cristina Brovelli, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Linda Cavadini, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Sara Faroni, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Cristina Fiandri, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Alessandra Filipazzi, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Loretta De Martin, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Elisa Golinelli, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Marcella Gussoni, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Barbara Licastro, Scuola Sec. di I grado
Ins. Anna Maria Mercuri, Scuola Primaria
Prof.ssa Marisa Pellegrini, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Agnese Pianigiani, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Silvia Pognante, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Stefania Rastelli, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Mella Sciancalepore, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Ivonne Sensi, Scuola Sec. di I grado

A breve sperimenteranno
Prof.ssa Mara Beber, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Livia Primante, Scuola Sec. di I grado
Prof.ssa Romina Ramazzotti, Scuola Sec. di I grado

Advertisements

About sabinaminuto

Insegno lettere nella scuola secondaria di II grado.
This entry was posted in Pensieri. Bookmark the permalink.

One Response to IWT: ovvero io, Nancie e le altre

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s